“Allestiamo aree verdi negli spazi scolastici”

 

 corso di formazione introduttivo per la progettazione e la realizzazione di spazi per il verde nei cortili scolastici

 

disegno di Massimo De Dominicis

  

Attualmente, in Italia, ci sono più di 40.000 cortili scolastici e in quasi tutti i casi, questi spazi costituiscono dei “vuoti” senza identità.

Per le istituzioni scolastiche, il cortile non è un luogo destinato all'apprendimento e alla socialità e questo si traduce in un enorme spreco di risorse sia sul piano urbanistico che umano.

Nella nostra città, in particolare, il verde pubblico è estremamente carente e pertanto svolge in misura inadeguata le sue funzioni  ambientali, ricreative e didattico-educative.

Il ruolo delle scuole in questo contesto diviene fondamentale come risposta a questa cronica carenza.

Occorre intervenire per restituire alla scuola il proprio cortile o giardino come spazio ludico, sociale e d'apprendimento.

La finalità generale del corso è, appunto, la sensibilizzazione delle istituzioni scolastiche, che, rendendo disponibili i loro spazi, diventino attive promotrici delle suddette tematiche.

 

 

Il corso, promosso dall'associazione Terre del Mediterraneo è destinato agli  insegnanti delle scuole elementari e medie che desiderino sviluppare le capacità necessarie all'allestimento e alla trasformazione di uno spazio verde attraverso il coinvolgimento dei ragazzi delle loro classi.

 

Articolazione del corso

 Il corso è articolato in tre fasi, che costituiscono momenti separati di un unico processo, ognuno dei quali costituisce un momento formativo indipendente ma strettamente connesso agli altri.

 

Prima fase

La prima fase, rivolta a 20 insegnanti delle scuole elementari e medie della Provincia di Bari, prevede l'attuazione del presente processo utilizzando uno spazio comune cittadino, messo a disposizione dalla Provincia di Bari, per l'acquisizione di un metodo riproponibile e riproducibile nelle singole istituzioni scolastiche.             

La prima fase si sviluppa in 10 incontri, sei teorici e quattro pratici, della durata di due ore ognuno.

 

I docenti coinvolti nella prima fase del corso potranno proporre alle proprie scuole il terzo modulo da attuare con le proprie classi e potranno essere coinvolti nell'attuazione della seconda fase come referenti e tutor del progetto.

 

Seconda fase

Presentazione alle singole scuole, come attività di aggiornamento per gli insegnanti, del corso riveduto e corretto a seconda della realtà concreta della scuola e delle esigenze di insegnanti ed alunni.
Sono previsti n. 8 incontri

 

Terza fase

Attuazione del Progetto con le scolaresche da concordare con le singole scuole in base alla tipologia dello spazio da allestire e alle esigenze pedagogico-didattiche delle singole realtà scolastiche. 

 

Obiettivi di carattere generale

 

·          formare docenti capaci, alla fine del corso, di sviluppare, attraverso un intervento didattico mirato, un itinerario formativo che veda i ragazzi cognitivamente e concretamente protagonisti della propria educazione ambientale che oltre a favorire la creazione di un rapporto armonico con la natura e l'ambiente, contribuisca a riscoprire il senso di appartenenza al proprio territorio.

·           fornire gli strumenti indispensabili per trasformare, con i ragazzi, questi spogli luoghi d’incontro in spazi per l’apprendimento attraverso la progettazione e l’allestimento di un'area verde che svolga, nello stesso tempo, un ruolo ludico e  un ruolo sociale.

·           introdurre i docenti alla cultura della trasformazione dello spazio “vuoto”

 

Luogo dell'intervento

La pineta messa a disposizione dalla Provincia di Bari nella sede di via Amendola 189/B.

 

Calendario del corso

 

Martedì 5 Febbraio - Presentazione del corso  (16.00 – 18.00) 

Martedì 12 Febbraio - Il giardino nella storia  (16.00 – 18.00)
Dalla cultura del giardino storico agli spazi contemporanei 

Martedì 19 Febbraio - Visita guidata 
La villa comunale di Trani

Martedì 26 Febbraio - Le funzioni del verde urbano (scolastico e ricreativo)  (16.00 – 18.00)
Il giardino come luogo rappresentativo delle evoluzioni culturali  della società.
Il giardino come forma di sperimentazione del progetto di educazione ambientale.
I principali elementi del progetto

Martedì 5 Marzo - Le funzioni del verde urbano (scolastico e ricreativo)  (16.00 – 18.00)
Riconoscimento delle principali specie arboree e arbustive usate nei giardini 

Martedì 12 Marzo - Creazione ed uso del giardino scolastico  (16.00 – 18.00)
Dalla progettazione al mantenimento

Martedì 19 Marzo - Creazione ed uso del giardino scolastico  (16.00 – 18.00)
Il ruolo dei materiali vegetali nel progetto dello spazio aperto
I problemi di gestione e manutenzione come elementi del progetto
Il giardino didattico e la didattica ambientale 

Martedì 26 Marzo - Il lavoro sul campo  (16.00 – 18.00)
Il laboratorio di progettazione

Martedì 9 Aprile - Il lavoro sul campo  (16.00 – 18.00)
Il giardino naturale 

Martedì 16 Aprile - Il lavoro sul campo  (16.00 – 18.00)
Il giardino per gli uccelli

Martedì 23 Aprile -Il lavoro sul campo (16.00 -18.00)
Il giardino dei racconti

 

 

Iscrizioni

La quota di iscrizione alla prima fase del corso è di £ 180.000 + 20.000 per la tessera all'associazione Terre del Mediterraneo.

Il corso è limitato a 20 partecipanti e  avrà  luogo, sia per le lezioni in aula che per il lavoro sul campo, presso la sede della Provincia di Bari – Ufficio Acque, Parchi e Protezione Civile, via Amendola 189/B - Bari.

 

Attestati

A conclusione del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione a coloro che avranno effettuato più dei ¾ delle ore di attività formativa.

 

Relatori

Antonio Bernardoni (dottore forestale)

              

COORDINAMENTO E SEGRETERIA ORGANIZZATIVA

Stefano De Dominicis (dottore naturalista)

 


 

Terre del Mediterraneo è un'associazione ambientalista senza fini di lucro che opera per la ricerca, la documentazione e la diffusione di conoscenze nel campo dello sviluppo sostenibile.

Gli operatori dell'associazione provengono da varie esperienze: competenze professionali sulla valorizzazione del territorio, dei beni naturali e culturali, sul turismo educativo, sulla comunicazione e formazione in campo ambientale.

Queste diverse competenze hanno, in Terre del Mediterraneo, un progetto comune, una stessa ambizione: dare concreta attuazione alle progettualità di sviluppo eco - compatibile presenti sul territorio.

Progettualità che spesso rimangono solo idee di carta per l'incapacità o l'indifferenza degli enti competenti di tradurle in azioni concrete e soprattutto di trasferire nelle comunità consapevolezze e conoscenze capaci di attivare reali opportunità di sviluppo.

Tra le attività di Terre del Mediterraneo si segnalano:

·      la collaborazione con numerosi enti per laboratori di educazione ambientale, in particolare relativi al Programma Operativo 940025I1 dell’Unione Europea “La scuola organizza la scelta”, al Programma Operativo 31000008 dell'Unione Europea “Insieme per crescere” e al Programma Operativo Multiregionale Ambiente Sottoprogramma IV Misura 4.2 “Parco dei desideri”.

·         la collaborazione al progetto Herbora, nell’ambito del programma comunitario Horizon;

·        la collaborazione al progetto Columbus, nell'ambito dell'iniziativa comunitaria “Occupazione e valorizzazione delle risorse umane Youthstart”.

·         la collaborazione con numerose istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado;

·         la formazione di animatori di educazione ambientale e il sostegno in fase di tirocinio degli stessi;

·         i corsi e i programmi di visita alle aree protette in numerosi luoghi d’Italia, che hanno coinvolto diverse centinaia di persone in questi anni;

·         la formazione per tecnici sulle tecniche di riconoscimento e studio dei rapaci, sulla botanica e sulla topografia e orientamento.