Il Comune di Bari ha finanziato nell'ambito del POC Metro 2014-2020 il bando "Rigenerazioni Creative", per il recupero e la valorizzazione di aree verdi comunali in abbandono di proprietà del Comune di Bari.

L’obiettivo del bando Rigenerazione Creative del Comune di Bari, in linea con gli altri percorsi di rigenerazione urbana già attivi sul territorio comunale, è quello di stimolare il coinvolgimento dei cittadini in percorsi di rigenerazione di aree pubbliche urbane, attraverso dinamiche virtuose, inclusive e partecipative, per favorire la partecipazione di associazioni, comitati e cittadini alla gestione delle suddette aree urbane, percepite sempre più come spazi di relazione.
Da qui, come annunciato dal Sindaco De Caro nella conferenza stampa di presentazione dei vincitori, parte l'attuazione del principio costituzionale secondo il quale "le Città Metropolitane favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio della sussidiarietà". Le aree comunali individuate saranno così affidate direttamente alla gestione, creatività e animazione dei cittadini.

15 i progetti vincitori, per un totale di 435.000 euro e di 56.000 metri quadrati di aree riqualificate nella città. Nasceranno boschi urbani, piazze per l'aggregazione, nuove opere di arte urbana...

 

Il progetto di Terre del Mediterraneo "Il bosco di Cancello Rotto" vedrà quindi la sua realizzazione, grazie alla sinergia con i partner Pigment Workroom, Lovum APS ed I Talenti del Gusto, ed alla collaborazione con l'azienda agricola bio Chloris - Agricultura naturale, le associazioni LAN - Laboratorio Architetture NaturaliGarden Faber, Iteras, Canto della Terra, Gruppo Educhiamoci alla Pace e lo studio editoriale ZicZic.

L'area che ci è affidata è un sorprendente ed incantevole "bosco", celato fra i palazzi di via Cancello Rotto, nel quartiere Carrassi.
Ci occuperemo insieme a cittadini, soci ed amici della riprogettazione dell'area verde, della piantumazione di alberi e arbusti e della potatura e manutenzione di quelli già presenti, della progettazione, creazione e manutenzione di sentieri e recinzioni, e della realizzazione di arredi con materiali naturali.
Nel Bosco di Cancello Rotto, grazie ai nostri partner, realizzeremo nei due anni di progetto, passeggiate alla scoperta di flora e fauna urbane, laboratori di autocostruzione e wildlife gardening rivolti a grandi e piccini, sessioni di ricerca partecipata (citizen science), appuntamenti dedicati al riconoscimento e uso delle piante spontanee, un percorso partecipato di arte pubblica per la realizzazione di opere di land art, workshop, pic-nic di quartiere, laboratori sensoriali, incontri di yoga, pilates, meditazione e ginnastica in natura, incontri sul paesaggio, letture all’aperto, laboratori di vocalità corale e spettacoli musicali, narrazione di luoghi, paesaggi e storie...

Il bosco di Cancello Rotto sarà così uno spazio di integrazione e di relazione, fra cittadini, realtà sociali e culture diverse, uno spazio di ricongiunzione con la natura, con sé stessi e con l’altro.


"Un cancello rotto è un cancello aperto”, un varco libero e inclusivo verso un luogo di condivisione e immersione nella natura.

 
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.